mercoledì 13 gennaio 2021

CASERECCE CON PESTO DI PISTACCHIO E SPECK




Al piatto di oggi associo il ricordo di un giorno felice...un pò come succede quando ascolti una canzone, entrambi i sensi, il  gusto e l'udito , in un boccone o in una canzone, rievocano nella nostra mente il ricordo di un momento vissuto in passato. Il momento che ricordo tutte le volte che annuso e assaporo questa pietanza è il giorno dei festeggiamenti del 18° compleanno di mio figlio Jimmy , un giorno pieno di gioia, euforia, compagnia e amici...ecco di quest'ultimi alcuni ci sono ancora altri sono scaduti...mentre quelli veri, quelli sinceri ancora riempiono e colorano la nostra vita. e spesso me li ritrovo attorno alla mia tavola a condividere del buon cibo e magari un buon piatto di pasta come questo.

INGREDIENTI per 4 persone

320 G DI CASERECCE (ovviamente nessuno vi impedisce di utilizzare un formato di pasta diverso)

125 G DI PESTO DI PISTACCHI DI OTTIMA QUALITA'

1 CUCCHIAIO COLMO DI MASCARPONE (o formaggio cremoso va pure bene)

100 G DI SPECK A CUBETTI

MEZZA CIPOLLA BIANCA

OLIO EVO q.b.

1 NOCE DI BURRO

SALE q.b.

PEPE q.b.

GRANELLA DI PISTACCHI E QUALCHE PISTACCHIO INTERO PER GUARNIRE

100 GR DI PISTACCHI GIA' SGUSCIATI, SBOLLENTATI E PRIVATI DALLA PELLICINA (per il pesto)



PREPARAZIONE

Affettate finemente la cipolla e fatela addolcire  in padella dove avrete versato l'olio evo e aggiunto la noce di burro; successivamente  e i cubetti di speck e fate rosolare ben bene.

Intanto preparate il pesto inserendo in un boccale i pistacchi puliti,  un pizzico di sale e olio evo a filo frullando con il mixer fino a quando non si raggiunge  una consistenza   liscia e cremosa;

Adesso cuocete la pasta in abbondante acqua salata facendo attenzione di scolarla al dente; prima di scolarla tenete un mestolo di acqua di cottura da parte.



   

domenica 10 gennaio 2021

BACCALA' DEL REGNO CON VARIANTE COSENTINA

BACCALA' DEL REGNO




Il piatto he vi presento oggi ha origini molto antiche; dobbiamo fare un viaggio nel passato e far visita al Regno di Napoli per ritrovare i natali di questa ricetta che già da allora venne replicate con semplici varianti che però, tra una regione e l'altra, hanno fatto la la differenza.

La variante che vi propongo è quella cosentina che oltre agli ingredienti previsti dalla ricetta napoletana aggiunge le patate che donano alla pietanza una cremosità avvolgente e vellutata.

Per la base della ricetta ho rubato l'idea al bravissimo Fabio Campoli di cui vi riporto fedelmente gli ingredienti e l'esecuzione con la sola aggiunta personale del tocco cosentino.

Ingredienti della ricetta Baccalà del regno

  • 800 gr baccalà ammollato
  • 5 patate medie (versione cosentina)
  • 2 foglie alloro
  • 400 gr polpa pomodoro
  • 50 gr olive Taggiasche denocciolate
  • 10 capperi dissalati
  • 250 gr peperoni
  • 8 cucchiai olio evo
  • 3 cipolle rosse (io rigorosamente di Tropea)
  • Mentuccia
  • Aceto di vino bianco
  • Sale grosso



Procedimento della ricetta Baccalà del regno 

Sbucciate e pulite  le patate, tagliatele a fette sottili e disponete sul fondo  del tegame irrorato d'olio coprendone l'intera superficie, accendete la fiamma e fate fare una leggera crosticina quindi aggiungete due dita d'acqua e lasciare cuocere piano per qualche minuto;
Procedete la preparazione mettendo in cottura il baccalà: una volta reidratato e ben dissalato, tagliatelo in piccoli tranci e sistemateli nel tegame, poggiandoli sul lato della pelle sopra lo strato di patate;
Irrorate a freddo con l’olio e.v.o., poi ricopritelo uniformemente con la polpa di pomodoro (avendo cura di disporla non solo nel centro, ma soprattutto lungo i bordi del tegame) e aggiungete le foglie d’alloro
e   i capperi. Coprite il tegame con un coperchio, e cuocete il tutto a fiamma bassa per 30 minuti.
A parte, arrostite i peperoni: per ottenere un ottimo risultato, preriscaldate il forno a 220°, riponetevi all’interno i peperoni ben freddi di frigorifero disposti su una griglia.
Una volta ben abbrustoliti, estraeteli dal forno, trasferiteli ancora caldi in un recipiente e coprite ermeticamente con pellicola per alimenti idonea alle alte temperature: l’azione del vapore favorirà in pochi minuti il distacco della buccia. Quando i peperoni si saranno intiepiditi, spellateli con cura, ripuliteli dai semini e tagliateli a pezzettini, riunendoli in una ciotola e aggiungendo un cucchiaino d’aceto e un pizzico di sale. Lasciate riposare. Quando il baccalà in tegame sarà quasi pronto, aggiungete le olive, i peperoni e le cipolle rosse precotte al sale: (sistematele intere e con la buccia all’interno di una teglia, ricoprendole con abbondante sale grosso sia sul fondo che in superficie).




Cuocete in forno a 220° finché non risulteranno morbide. Al momento di servire il baccalà cospargete con la mentuccia fresca tritata.

giovedì 7 gennaio 2021

MAC AND CHEESE



La maggior parte delle volte che mi sono imbattuta in questa pietanza è successo curiosando tra gli scaffali dei reparti di cucina internazionale dei grandi supermercati visitati  in diverse città dell'Europa...viene venduta in busta o in scatola, già precotta e pronta al consumo;  ogni volta che mi è capitato di  incapparci automaticamente ho avuto l'impulso di storcere  il naso pensando di quanto dovesse essere immangiabile  questa pasta pronta di cui  gli americani amano cibarsi soprattutto come contorno...da inorridire per noi italiani che abbiamo il culto del buon piatto di pasta fresco e fumante!!! C'è da dire però che nella mia cucina qualche piatto statunitense si prepara di sovente considerate le origini d'oltre oceano della mia dolce metà e quindi, quando in un programma televisivo di cucina , Lorenzo Biagiarelli si è cimentato nella realizzazione di questa ricetta quasi quasi me ne sono infatuata tanto dal cucinarla e ...udite udite, apprezzarla e divorarla.

Adesso vi allego fedelmente la descrizione per la realizzazione del piatto eseguito dal Bigiarelli  consigliandovi di provarlo...ne vale la pena!!!



Ingredienti della ricetta Mac and cheese

  • 200 g di pasta corta (solitamente vanno usati i celentani)
  • 40 g di burro
  • 40 g di farina
  • 500 ml di latte intero
  • 2 tuorli d’uovo
  • 100 g di formaggio grattugiato
  • 100 g di emmenthal
  • 100 g di cheddar
  • 100 g di taleggio
  • pepe bianco
  • 1 cucchiaino di paprika affumicata
  • 50 g di bacon
  • Sale

Procedimento della ricetta Mac and cheese

In una casseruola cuocete la pasta lasciando la cottura molto al dente. In un’altra casseruola preparate la besciamella facendo sciogliere il burro ed incorporando la farina. Una volta ridotto il composto in crema aggiungete il latte freddo e iniziate a mescolare con l’aiuto di una frusta fino a farla diventare ben cremosa. Aggiungete, poi i due terzi di tutti i formaggi, i due tuorli e speziate con il pepe e la paprika. A questo punto in una ciotola unite la pasta alla besciamella, mescolate il tutto per far amalgamare bene la pasta con la crema e trasferite il tutto in una teglia da forno. Spolverizzate con i formaggi avanzati e infornate in modalità grill a 250 gradi per circa dieci minuti fino a quando la pasta non farà la crosticina.




domenica 3 gennaio 2021

LA MIA CASSATA SICILIANA ARROTOLATA


Mamma mia che maratona in cucina queste feste...e non è ancora finita, rimane da festeggiare la Befana  e quindi se siete a corto di idee vi voglio suggerire questo rotolo di cassata siciliana che è di un buono, ma di un buono...che vi dico a fare? Lo dovete provare.

INGREDIENTI

PER LA PASTA BISCOTTO

Io ho utilizzato la ricetta di Benedetta Rossi di cui qui trovate il link 



PER IL RIPIENO DI CREMADI RICOTTA

600 g di ricotta di pecora messa a gocciolare una notte intera

200 g di zucchero a velo

1 tazza colma di gocce di cioccolato

essenza di vaniglia q.b.

PREPARAZIONE

dopo che la ricotta ha perso tutto il latte in eccesso, passatela in un setaccio e lavoratela con una frusta insieme allo zucchero a velo e la vaniglia finchè risulta cremosa, quindi dopo aver tolto la quantità per la copertura, aggiungete le goccine di cioccolato.



PER LA COPERTURA

200 g di crema di pistacchio

200 g di crema di ricotta

150 g di granella di pistacchio

arancia candita q.b.

ciliegie candite q.b.

monete e stelline di cioccolato per decorare



ASSEMBLAGGIO DEL DOLCE





Una volta che il rotolo si è raffreddato spalmatelo con la crema di ricotta e gocce di cioccolato quindi con delicatezza arrotolatelo su se stesso e rivestitelo di crema di ricotta e di pistacchio, spolverizzate con la granella e decorate con i cioccolatini.



sabato 19 dicembre 2020

I MIEI "BUCCELLATINI" DI NATALE




L'ho sempre desiderato, ho sempre saputo che  mi sarebbe piaciuto, un giorno,  poter essere ricordata per le mie ricette, i miei manicaretti, la mia "fissazione" di celebrare ogni ricorrenza con un adeguata pietanza...


prima di aprire questo blog appuntavo scrupolosamente ogni passo, ogni dettaglio di cio' che creavo nella mia cucina in un piccolo quaderno che con il tempo si è arricchito, macchiato, sciupato, uno di quei classici e tanti amati "Ricettari di famiglia", dove in ogni ricetta ho  segnato in lettere maiuscole e sottolineato quell'ingrediente segreto da tramandare a chi un giorno avrà il desiderio di replicare i profumi e i sapori della memoria di giorni di festa e aggregazione, che io, nel tempo non ho mai cessato di festeggiare con puntualità anche in tavola.

Adoro ascoltare la gioia nelle parole di mio padre che non appena mi vede arrivare con il mio pacchettino profumato e ben confezionato a festa, dice "è arrivata Roberta con i suoi Buccellatini, è arrivato il Natale!"


La ricetta di questi biscotti farciti da una ricca composta di fichi, frutta secca, bucce di agrumi canditi e spezie  



è contenuta nel prezioso ricettario di famiglia, e non me ne vogliate quindi se non vi svelerò il mio ingrediente segreto...quello adesso è un patrimonio esclusivo di parentela, uno di quegli ingredienti che fa dire a chi dovesse assaggiare un Buccellatino non fatto da me "si, è buono, ma quelli di Roberta sono tutta un'altra cosa!!!" 


però vi lascio questo link con il quale potrete replicarli in maniera altrettanto perfetta e squisita.




lunedì 30 novembre 2020

La mia pizza veloce a lievitazione mista

 Anche se ormai ho molte ricette collaudate da eseguire quando voglio fare la pizza, la maggior parte tra quelle che preferisco poichè prevedono pochissimo lievito di birra, necessitano di  una lievitazione in frigo di almeno 24 ore...se però si decide di mangiare una buona pizza per cena e sono già le 15,00, ahimè bisogna ricorrere a una maggiore quantità di lievito di birra; ma non sempre...girando nel web si incappa in note ricette di note food blogger che suggeriscono come poter realizzare in fretta una pizza senza esagerare con il sopracitato lievito ed è proprio in una  di quelle che decido di cimentarmi.

Ma non sempre però tutto va come previsto...succede  una svista, cioè, quando chiedo al mio aiutante di inserire il lievito nell'impasto piuttosto che aggiungere quello "giusto" mi inserisce in planetaria l'esubero del rinfresco del mio lievito madre del giorno prima ed è così che nasce la mia pizza veloce a lievitazione mista.

Andiamo a conoscerla insieme

INGREDIENTI

Farina 0 g.200 (11W)

Farina manitoba g.260 (12W)

Farina di semola rimacinata g.100

2 cucchiai di fiocchi di patate

480 ml di acqua tiepida

1 cucchiaio colmo di zucchero

lievito di birra fresco 10 g

esubero di lievito madre del rinfresco del giorno precedente 125 g

olio evo 20 g

sale 12 g

PREPARAZIONE

ORE 15,45 SI INIZIA A IMPASTARE

Versare nel recipiente della  planetaria l'acqua leggermente tiepida dove andremo a sciogliere i due lieviti insieme allo zucchero quindi aggiungere le farine e con la foglia cominciare ad impastare fino a quando la massa non comincia ad incordare; a questo punto si può aggiungere il sale e si continua a lavorare l'impasto per farlo incordare del tutto unendovi lentamente l'olio evo e avendo l'accortezza di ribaltarlo di tanto in tanto. Appena vi sembrerà pronto trasferite la pasta in un contenitore oleato e capiente, copritelo con della pellicola trasparente e mettete a lievitare in un luogo tiepido per 2 ore circa.

ORE 18,00

Trasferite l'impasto sopra un ripiano spolverizzato di semola e con accortezza a non sgonfiarlo eccessivamente praticate le pieghe di sovrapposizione, fatene una bella pagnotta  e lasciatelo riposare coperto a campana per altri 60 minuti.


ORE 19,00

Riprendete il vostro impasto e con l'aiuto dei soli polpastrelli per non scoppiare le bolle, stendetelo nelle teglie precedentemente oleate (io adopero anche la carta forno) dell'altezza che preferite in base alla croccantezza che vorrete ottenere e lasciate riposare per altri 30 minuti coperto con un canovaccio umido.



ORE 19,45

Condire con passata di pomodoro salata e mettere in forno preriscaldato al massimo sul fondo inferiore del forno  per circa 8 minuti (tenendo d'occhio che non si cuocia troppo) e finchè il cornicione comincerà a colorarsi ; uscite dal forno ed aggiungete il resto degli ingredienti previsti dal gusto della vostra pizza e finite di cuocere alla media altezza del forno per altri 5 minuti circa o fino a quando la cottura non sia di vostro gradimento.


Io ne ho condito una alla messinese con scamorza fresca, indivia riccia, acciughe e pomodorino,mentre l'altra con mozzarella, gorgonzola e mortadella.

  


lunedì 23 novembre 2020

I DUMPLING


Per tanto tempo ho creduto che poter realizzare in casa questi ravioli fosse un impresa impossibile, ma io amo le sfide e così mi sono messa alla ricerca della ricetta giusta ed eccomi qui a condividere con voi un successo inaspettato...se seguirete la ricetta che vi mostro potrete realizzare anche voi dei ravioli cinesi straordinari che vi daranno tanta sodisfazione e faranno rimanere a bocca aperta...anzi a bocca piena 😂i vostri commensali.



INGREDIENTI PER L'IMPASTO E PROCEDIMENTO

125 g di farina di frumento

75 ml acqua tepida

Sopra una spianatoia sistemate la farina a fontana e versateci al centro l'acqua tiepida cominciando ad impastare fino ad ottenere un impasto molto morbido (il dito affondando deve lasciare l'impronta) che lascerete riposare per 30 minuti avvolto nella pellicola. Trascorso questo tempo tiratelo molto finemente con il mattarello o se preferite con la macchina per la pasta fresca...è importante che la sfoglia che otterrete sia molto sottile. Adesso ritagliatela  con l'aiuto di un coppapasta rotondo e farcitela con il ripieno. 



INGREDIENTI PER IL RIPIENO DI CARNE

Carne macinata di maiale q.b. (io ho aggiunto anche un poco di salsiccia macinata)

1 cucchiaio di miele

1 porro

2 carote

 cavolo bianco q.b.

 cavolo rosso q.b.

zenzero fresco grattugiato q.b.

salsa di soia q.b.

Tritate  insieme  le verdure senza  cuocerle  precedentemente,  unite lo  zenzero  grattugiato,  la carne di maiale macinata, il miele e la salsa di soia cercando di ottenere un impasto morbido. Prendete poco ripieno alla voltae posizionatelo al centro di ogni cerchietto di impasto quindi sigillate i vostri  ravioli dopo aver inumidito i bordi della pasta e averli fatto combaciare ben bene.


LA COTTURA

Io ho preferito la cottura in padella perchè si ottengono dei ravioli rosolati e più saporiti. Preparateli ponendoli IN PIEDI all'interno di una padella antiaderente con poco olio e lasciate che si dorino alla base senza muoverli nè girarli...una volta dorati aggiungete nel fondo della padella un poco d'acqua e continuate la cottura con un coperchio senza che li giriate mai, per 10 minuti circa o comunque finchè l'acqua non si sia asciugata del tutto. 




Serviteli ancora ben caldi insieme a della salsa di soia a parte nel caso aveste voglia di intingerli prima di morderli.