sabato 23 maggio 2009

"UN CORO" DI SALUTI A UN CARO AMICO TRASFERITO.


La storia che conduce alla realizzazione di questa torta è lunga.
Perché, mi rendo conto, che non a tutti nella vita capita di poter nascere due volte.

C'è la volta sbagliata e poi...arriva quella giusta, come è successo a me.

E come in ogni nascita, esiste un padre.

Per me, il Signore ha scelto un uomo eccezionale, di un'interiorità e spiritualità di cui pochi uomini sono dotati.


Padre Gaspare

Sono certa che a guidare i miei passi verso lui sia stata la volontà di Dio.

Lui, come ogni buon padre mi ha insegnato a parlare con il linguaggio dell'amore, mi ha nutrito del Pane di Dio, mi ha perdonato le offese ai miei fratelli, mi ha sempre accolta con il suo abbraccio benedicente, ha coccolato la mia anima nei momenti di maggiore sconforto, mi ha insegnato a camminare nelle strade della Fede facendomi crescere spiritualmente.

E adesso che "sono cresciuta" è arrivato il momento di separarci , di salutarci.

Un nuovo incarico in un altro luogo lo porterà lontano., ma non sarà questa distanza a separarci...il nostro amore e le nostre preghiere ci terranno uniti e vicini.

Lui , prima di salutarmi mi ha donato questi fiori che, sono certa, non appassiranno mai nel mio cuore e nella mia memoria.


Io ho voluto festeggiare questo commiato con questa torta che rappresenta il Coro della Basilica di S.Francesco D'Assisi di cui, con orgoglio faccio parte e che in occasione di tante liturgie ha fatto da sottofondo musicale alle sue omelie.

Si tratta di una base di Pan di Spagna che ho farcito con una crema al latte della carissima Chiara di "I Dolci di Chiara", preparata con :
150 g di farina
50 g di amido di mais
340 g di zucchero
160 ml di panna zuccherata
1 l di latte
Setacciare in un contenitore , la farina, l'amido e lo zucchero con l'aggiunta di un bicchiere di latte per incorporare bene gli ingredienti, quindi aggiungere il resto del latte e porre , in una pentola, sul fuoco basso, mescolando sempre finchè raggiunge la giusta consistenza.
Spegnere il fuoco, lasciare raffreddare, quindi aggiungere la panna montata.
Altra farcitura di questa torta è stata un gelèe di fragole preparato con:
500 g di fragole
3 fogli di colla di pesce
2 tazzine di succo d'arancia
3 cucchiai di zucchero.
Frullare meta delle fragole e tagliare a piccoli pezzi le restanti.Porre in un pentolino le fragole frullate con lo zucchero e il succo d'arancia.fare riscaldare finché lo zucchero scioglie, avendo cura di non far bollire, quindi aggiungere la colla di pesce precedentemente ammollata in acqua fredda e strizzata e le fragole a pezzetti.
Lasciare intiepidire e versare sulla base che si vuole farcire e ponendo in frigo a rapprendere.
Dopo aver farcito ed assemblato la torta ho ricoperto con pasta di zucchero e decorato con soggetti in cioccolato plastico.




"Arrivederci Padre Gaspare"

ti porterò per sempre nella parte più cara del mio cuore

7 commenti:

Tania ha detto...

E' meravigliosa!!!

Betty ha detto...

Ma è stupenda, complimenti!
hai una bella manualità!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

un piccolo capolavoro come tutte e tue realizzazione!!sei davvero bravissima,baci imma

Mary ha detto...

wow un vero capolavoro!

Barbara ha detto...

Bellissima torta e bellissime parole!

I pasticci di Roby ha detto...

Quando una cosa è fatta con amore riesce senz'altro bene.Grazie,Roby

maggye ha detto...

Brava Roby! Si vede che tra gli ingredienti c'è tanto amore!!!!