giovedì 10 febbraio 2011

IL NOSTRO TE'...ANCORA BOLLENTE!!!


Che freddo quel pomeriggio!!!
Eppure sarei dovuta uscire ugualmente, c'era da accompagnare il piccolo
alla festa di compleanno di un amico e stavolta toccava a me farlo;
Francesco , mio marito, si era rifugiato sotto le invitanti coperte del nostro lettone dove era ben intenzionato a trascorrere buona parte del pomeriggio all'insegna del "dolce far niente".
Così dopo aver lasciato il pargolo, rientro in casa
dove trovo ad accogliermi un caldo tepore e un insolita quiete,
la casa è silenziosa ad eccezione del sottofondo del suo respiro profondo,
il respiro del mio uomo che dorme;
così mi ritrovo intenerita e rassicurata dalla sua presenza,
che se pur nell'incoscienza del sonno mi giunge intima e confortevole.
Lui è al piano di sopra che riposa, mi avvio davanti alla porta della nostra camera
e mi soffermo lì, muta e leggera, a scrutare i contorni della sua sagoma
lievemente illuminati dalla luce ormai fioca degli ultimi raggi di sole di questa giornata
che filtrano dalla persiana socchiusa;
una improvvisa tenerezza mi invade e mi attrae
quell'aria di fanciullo disegnata sul suo viso assopito...
ancora oggi, come ieri rimango attratta dal suo volto.
Mi vorrei avvicinare, lo vorrei baciare, ...lo sto per sfiorare,
ma ad un passo da lui mi fermo, desisto, non lo voglio svegliare.
Ed è ora che,
come un meraviglioso carosello mille ricordi scorrono nella mia mente,
'incontro, l'innamoramento, la voglia di vederci, incontrarci, amarci,
contro ogni pregiudizio e contro ogni barriera, abbattendo il tempo e le distanze,
gli incontri folli a metà strada quando si passava più tempo sugli aerei per raggiungerci
piuttosto del tempo che ci vedeva abbracciati;
la nostra immancabile tazza di tè pomeridiana in quell'anonimo e scialbo caffè di Sofia,
eppure io ancora lo ricordo come il luogo più romantico
dove il nostro amore cresceva e si consolidava,
in effetti ancora oggi, non ho ben chiaro se fosse il tè a riscaldare noi
o la nostra passione a rendere bollente il tè;
già.....Sofia, quando la sua professione, che poi era anche la mia,
ci aveva voluti lontani per un intero anno,
365 lunghi e interminabili giorni,
dove la strada da noi più frequentata era diventata il cielo,
brevi e intensi viaggi per riabbracciarci, accarezzarci e poi subito separarci
poi rientrare e tornare a fissare il telefono, amico adorato quando squillava , odiato quando taceva, indispensabile mezzo che quotidianamente ci ricongiungeva e ci avvicinava.
Da allora la scelta di volerci accanto per tutta la vita
e ancora oggi mi convinco che mai scelta fu più indovinata...
certo, come tutti i matrimoni, anche il nostro ha avuto momenti più o meno belli...
abbiamo affrontato insieme sconfitte, vittorie, gioie e delusioni;
ci sono stati giorni che ci sfuggivamo altri che ci rincorrevamo,
ma mai, dico mai,
ho dubitato dei miei sentimenti verso mio marito nè dei suoi verso me,
e in tutti questi anni trascorsi insieme
non ho mai rimpianto di aver scelto lui e sicuramente lo rifarei.
Abbiamo due figli ed entrambi li amiamo ed educhiamo
con l'amore e la dedizione di cui questo ruolo necessita,
accettando tutto ciò che da questo ne deriva...
le notti insonni, le corse in ospedale i primi pianti per la prima cottarella,
ma anche qua la vita ci ha trovati uniti, preparati e affiatati.
Intanto io continuo a pensare e lui continua dormire, mi vorrei avvicinare,
vorrei anch'io entrare a far parte di quello che adesso è il suo sogno,
ma in effetti nei suoi sogni lo sono già stata così come lui nei miei
e insieme abbiamo creato il più bel sogno della nostra vita che vicini,
giorno per giorno abbiamo trasformato nella più bella realtà della nostra esistenza.
Mentre accade tutto questo mi giungono da lontano i rintocchi delle campane della chiesa...
li conto, sono 4 e ritornando al famoso caffè di Sofia penso che fosse stato allora,
sarei già corsa a prepararmi per il nostro magico incontro,
ma posso ancora farlo, nella cucina della nostra casa,
noi due ancora insieme davanti al una caldissima tazza di tè
magari da coprire affinché il calore non possa mai finire.

"COPERCHI DI FROLLA
ALLE MANDORLE"




Ingredienti per i coperchi e i cucchiaini
280 g di farina oo
140 g di burro
100 g di zucchero semolato
2 tuorli
1 bacca di vaniglia
sale
Per decorare
40 g di cioccolato fondente
50 g di lamelle di mandorla tostate
Lavorate velocemente insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.Stendete la pasta con il matterello in una sfoglia di 3mm di spessore e ricavatene dei cerchi con una tazza da tè.
Con i ritagli avanzati formate un cilindro sottile e tagliatelo ogni 3 cm per realizzare i manici, quindi attaccate le due stremità al centro di ogni disco di pasta e inserite sotto ognuno un rotolino di carta da fono in maniera che rimangano in forma durante la cottura.Rivestite una placca con carta da forno, disponetevi i coperchi leggermente distanziati e cuocete in forno già caldo a 180° per 20 minuti, fino a quando saranno dorati.Fate fondere il cioccolato a bagnomaria e spennellatevi i bordi dei coperchi facendo aderire le lamelle di mandorle tostate.Servite i coperchi a piacere sulle tazze da tè, latte o cioccolata.


Sento che ti stai svegliando, adesso stai scendendo e mi stai guardando...
anche adesso mi perdo nel verde dei tuoi occhi che mi hanno fatto innamorare
e che ancora oggi lo continuano a fare.



Con questo post partecipo
al romanticissimo contest di Sandramilù



17 commenti:

Scarlett: ha detto...

che bel post Roby......preferisco non aggiungere altro..si legge e si rilegge quanto tu sia innamorata,anzi tu sia la dolce meta' che lui fortunatamente ha incontrato nel suo cammino e giornalmente vi vede l'uno accanto all'altra,cosi' come deve essere il vero Amore...bacioni e la ricetta molto molto bella come sempre

Ginestra ha detto...

Che post! Che meraviglia leggere che siamo in tante innamorate dei nostri uomini, dei padri dei nostri figli... lontane anni luce senza stare a pensarci più di tanto dal marciume che sembra avvolgere tutto il resto della società...
un abbraccio

littledesserts ha detto...

ho letto d'un fiato questa tua ode all'amore... e sono rimasta con gli occhi sognanti... quasi mi vergognavo a lasciarti un commento... non volevo rovinare (come sto facendo) questo bellissimo e tenerissimo post con le solite parole... basta...
non dico più nulla, torno a rileggere..

Fabiola ha detto...

che post, si legge che lo hai scritto con amore, complimenti sia per aver incintrato la tua dolce metà, e per la ricetta, un abbraccio.

resy ha detto...

Debbo farti un rimprovero.....questo post avresti dovuto pubblicarlo lunedì prossimo, una dichiarazione d'amore in piena regola!! ;-)
Senti, io certe volte quando vedo mio marito che dorme lo strozzerei, debbo preoccuparmi o deve preoccuparsi lui??? ;-)
A parte gli scherzi, un racconto che potrebbe essere la sceneggiatura di un episodio di Montalbano (adoro Camilleri e Zingaretti), complimenti per quanto hai scritto e per come l'hai scritto, per la ricetta ma soprattutto per il vostro rapporto.
Un abbraccio
Resy

sandramilù ha detto...

Finalmente leggo di una donna innamoratissima del suo uomo dopo tanti anni! Bellissimo racconto e idea originalissima..non avevo mai sentito dei biscotti-coperchio!
Benvenuta nel mio blog!

Ciao ciaooo

camelia ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Vincent
Petitchef.com

I pasticci di Roby ha detto...

@Scarlett
@Ginestra
@Fabiola
Per recepire un messaggio bisogna comprendere la lingua in cui viene scritto e se voi avete recepito tanto amore evidentemente anche voi ne avete pieno il cuore.Vi abbraccio,Roby
@littledesserts-Non è come dici, non hai rovinato proprio nulla, anzi, il tuo commento mi ha fatto parecchio piacere così come è un piacere ritrovarti tra i miei sostenitori.Benvenuta e alla prossima,Roby
@Resy- Tesoro, il tuo è un tripudio di complimenti che non ti nego, mi riempono d'orgoglio; effettivamente se in un giorno qualunque ho dedicato a mio marito un simile post cosa mi dovrò inventare per il 14 p.v.????Mi rimangono 3 giorni per pensarci, quanto a tuo marito, fossi in lui, prima di coricarmi chiuderei la porta a chiave ah, ah, ah.Alla prossima,Roby
@sandramilù- Da quello che traspare dal tuo blog, credo che anche tu faccia parte delle donne innamoratissime del proprio marito, quindi viva gli innamorati e l'amore!!!Grazie per aver gradito ricetta e racconto.A presto,Roby

Bietolin@ ha detto...

Eh sì, qui di cuore ce n'è davvero tanto! Hai scritto delle parole bellissime, quasi commoventi, tuo marito è un uomo fortunato ;)
e poi che idea meravigliosa quella del coperchietto di frolla, originale e divertente.
Bravissima, complimenti!

LAURA ha detto...

ciao girando tra i blog sono arrivata qui e ho trovato questa storia bellissima.....che mi da la forza di credere che l'amore sia un valore ancora importante nonostante tutto quello che c'è in giro!!!
Grazie ottimo esempio!!!
Mi sono unita ai tuoi sostenitori, così ti seguo meglio
Alla prossima

I pasticci di Roby ha detto...

@Laura- Credici cara amica, credici, l'amore esiste ed è lui che fa muovere il tutto fin dalla creazione dell'universo.Auguro anche a te tanto amore e una piacevole permanenza tra i miei "pasticci".Alla prossima, Roby

fantasie ha detto...

Roby, quanta dolcezza e quanto amore!!! E che lo leggo pure oggi... fa un effetto... Una dichiarazione meravigliosa!

ELENA ZULUETA DE MADARIAGA ha detto...

Hola debo admitir que es la primera vez que vengo por tu blog. Lo había visto alguna vez, pero de paso y sin pararme casi nada.
No he podido por problemas médicos, aún sigo pendiente de otra operación más, algo seria y entre unas cosas y otra estuve durante muchos meses alejada de todo este mundo.

Llevo casi 3 años con mi blog: CUATRO ESPECIAS, pero le he dado cambios.

También he cambiado el enfoque del mismo, su contenido y además ha dejado de ser anónimo. Hasta puse una foto mía y todo.

A veces es la propia vida la que nos empuja o anima a dar estos pasos, lo cierto es que me hace bien, me relaja y me distrae,
Seguiré visitándote de ahora en adelante, me ha gustado y mucho y espero volver a verte por mi blog.

Un abrazo:

CUATRO ESPECIAS

blunotte ha detto...

Roby, è con le lacrime agli occhi che giungo alla fine di questo meraviglioso post!

blunotte ha detto...

Roby, è con le lacrime agli occhi che giungo alla fine di questo meraviglioso post!

LAURA ha detto...

Ciao grazie di essere passata, alla prossima!!!

mariella ha detto...

Ho passato il pomeriggio a gironzolare nel tuo blog, sei bravissima! Complimenti per tutto... sei davvero un'artista a 360°; ho immaginato la scena alla perfezione soprattutto conoscendo i due soggetti di persona e.... mi sono commossa!!!!! Tanti saluti da Catanzaro!