martedì 10 gennaio 2012

I MACARONS DE NANCY ...ma un pò, anche miei

Dunque, se adesso qualcuno tra voi dovesse chiedermi chi sia mai stà Nancy, con tutta sincerità devo ammettere di non averne la più pallida idea; di una cosa però ne sono certa...sicuramente in fatto di dolcetti e biscotti la deve sapere lunga, perché malgrado l'apparente semplicità di questo biscotto, in esso vi è contenuto un bouquet di sapori di una bontà insospettabile.

E dire che mentre sfogliavo il solito libretto incriminato che vi ho presentato sia qui che qui, più di una volta ero stata lì lì nel rinunciare a mettermi a pasticciare; nella foto si presentevano diversi dai soliti macarons che tutti conosciamo; i motivi potevano essere due; il primo che a stà povera Nancy, questo dolcetto non riuscisse affatto; il secondo, che in effetti si trattasse di una ricetta personale a me finora sconosciuta. Troppo semplici, pensavo però tra me e me , i soliti biscottini scialbi e insignificanti..


ahhhhhh, quando si dice che l'apparenza inganna!


Macarons de Nancy e anche un pò miei
Ingredienti :3 albumi d'uovo, 250 g di zucchero, 150 g di farina di mandorle, 1 pizzico di sale, ed infine il mio tocco, 1 cucchiaio di pasta di pistacchi.


Preparazione: preriscaldare il forno a 180° C; dentro una scodella mescolare lo zucchero con la farina di mandorle e dentro un altra scodella montare a neve gli albumi con il pizzico di sale; mescolare adesso i due composti con movimenti delicati dopo aver aggiunto la pasta di pistacchi, e continuare fino ad ottenere una massa omogenea e leggermente colante;introdurre l'impasto dentro una tasca da pasticcere, foderare una teglia con carta antiaderente (io ho usato l'apposito tapetino in silicone) e spremervi sopra l'impasto formando dei bottoni di 3 cm circa. Infornare per 20 minuti circa o finchè i macarons non diventano gonfi e croccanti. Lasciare raffreddare prima di staccare i dolcetti dalla placca.

Ricreduta e appagata, segno un "super"ad inchiostro e a caratteri cubitali anche sulla pagina di questa ricetta, con l'assoluta convinzione che, prima della fine di quest'anno le ricette contenute in questo caro libretto le avrò tutte provate, approvate e riprovate.

Ancora un morso eeeee


Non mi resta che darvi appuntamento a un nuovo giorno con una nuova bontà!


E siccome di tempo ancora ce n'è anche questi macarons partecipano al coinvolgente contest di Dolcipensieri

7 commenti:

Scarlett: ha detto...

e ci credo..!!ma la pasta di pistacchio dove la metti?nell'impasto o la usi per far baciare i macarons? buona serata mia cara Roby

L'angolo cottura di Babi ha detto...

Questi dolcetti mi hanmo sempre affascinato, ma non ho mai il coraggio di lanciarmi. Mi segno la tua ricetta, mi hai convinta! Buona serata

Roby ha detto...

@Scarlett- Hai ragione tesoro, avevo dimenticato il passaggio nella ricetta ma grazie a te ho rimediato; tral'altro, come si può vedere sulla foto del libro, questi sono dei macarons anomali in quanto sono molto più piatti e non vanno farciti, ma credimi,ugualmente squisiti!Ti bacio, Roby
@L'angolo cottura di Babi-Provaci cara, del resto questi sono mooooolto più semplici di quelli tradizionali; anch'io ci sto lavorando perchè i classici mi riescano bene.Vedremo!!!!Buona giornata.

BastiCook ha detto...

Ahhh mi hai anticipato, era la mia prossima ricetta. Dopo averli assaggiati a Parigi me ne sono innamorato, sia per l'aspetto delicato sia per i sapori che gli si possono dare. Tral'altro i tuoi sembrano più consistenti, fan venire più fameeeeeeee.

Abbiamo la ricetta diversa perchè nella mia mette lo zucchero a velo. L'ultima volta che ho provati a farli... beh... diciamo che non erano macarons ma sembrano più dei sottili amaretti bruciacchiati. Devo riprovarci, però vorrei chiederti un consiglio. Pensi che il succo di amarena per la sua vischiosità possa danneggiare l'impasto visto che gli albumi a neve sono delicati ?

E CMQ ANCORA I MIEI COMPLIMENTI!!!!

Roby ha detto...

@BastiCook- Non male...così li potremo confrontare, anche se , come ho già risposto a Scarlett, questa ricetta non ha niente a che vedere con quella dei classici macarons;ho l'impressione che si tratti piuttosto di una ricetta di famiglia.
Sono curiosa invece di vedere come risulteranno i tuoi, e a proposito dello sciroppo di amarena, ritengo che non guasti assolutamente, anzi, a mio parere gli conferiranno maggiore lucentezza; ti consiglio solo di unirlo per ultimo e moooooolto delicatamente.
Dai...facci vedere cosa sai fare!!!!Alla prossima e grazie per i complimenti,Roby

dolcipensieri ha detto...

ciao cara grazie per essere ancora venuta nel mio blog e di essere ancora presente al contest con una ricettina molto ma molto chic... grazie!

Le Ricette di Tina ha detto...

immagino solo la bontà..bravissima!un bacione